Pdl-Pd, Berlusconi-Veltroni: secondo gli ultimi sondaggi solo 4 punti percentuali di distacco

Dai sondaggi del 18 Febbraio di Swg, si evince che la differenza di punti percentuali tra le forze politiche in campo è veramente minima



Secondo le stime elaborate dall'istituto di ricerca triestino Swg, il Partito Democratico registrerebbe un'oscillazione di preferenze tra il 31 e il 33% a cui deve essere aggiunta la percentuale portata in dote da Italia dei Valori (tra il 4 e il 4,5%) e quella (quotata tra l'1% e l'1,5%) dei Radicali di Emma Bonino. La coalizione guidata da Veltroni raggiunge così un minimo del 36% delle preferenze degli italiani e un massimo del 39%.

A questi dati risponde il Pdl di Silvio Berlusconi che, da solo, può contare su una forchetta compresa tra il 36,5% e il 37,5% a cui va sommata la quota di preferenze della Lega Nord (5,5-6%) che porta il range di coalizione (senza però la 'dote' dell'Mpa di Lombardo non rilevato dalla Swg) compreso tra un minimo di 42 e un massimo di 43,5% delle intenzioni di voto.

Il sondaggio, datato 18 febbraio, registra poi la conferma della Sinistra-Arcobaleno guidata da Bertinotti (7,5%-8,5%) e una 'tenuta' dell'Udc di Casini che quota tra il 5,5% e il 6%.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il