"Hillary Cliton è un mostro, non si fermerebbe davanti a nulla": il team di Obama chiede scusa

Situazione sempre più politically incorrect per i due candidati delle elezioni Usa



"Hillary è un mostro", così è stata apostrofata la candidata democratica da Samantha Power, consigliere della campagna di Obama, in un'intervista rilasciata al quotidiano scozzese Scotsman, pubblicato ad Edimburgo da Johnston Press, uno dei tre principali editori del Regno Unito.

"Siamo stati sconfitti in Ohio, lì la gente è ossessionata da Clinton e lei sa che lì può vincere. Ma Clinton è un mostro, non si fermerebbe davanti a nulla", ha dichiarato al quotidiano. "Sembrano disperati. Spero che continuino a sembrare disperati", riferendosi alla senatrice e al suo staff, aggiungendo che "La quantità di inganni che ha messo in atto è proprio poco efficace".

La giornalista, tra l'altro vincitrice del premio Pulitzer, si è poi scusata con la signora Clinton, aggiungendo che in campagna elettorale non è sano "puntare su questioni personali". Lo staff di Barack Obama si è aggiunto alle scuse della giornalista. Il portavoce di Obama, Bill Burton, ha detto che il candidato alla presidenza sconfessa questa definizione della sua principale consigliera di politica estera, Samantha Powers, in dichiarazioni al giornale britannico Scotsman, ''perchè non ha posto nella sua campagna elettorale''.

I commenti arrivano due giorni dopo le sconfitte di Obama in Ohio, Rhode Island e Texas, considerate dallo staff del senatore, il risultato di una serie di attacchi disdicevoli sferrati dalla Clinton. Ieri, il clan Obama aveva accusato ieri Hillary di aver evaso le tasse, ricordando che l'ex first lady non ha ancora presentato la dichiarazione dei redditi per il 2007.

La senatrice, in risposta alle polemiche, ha paragonato il rivale a Kenneth Starr, il procuratore, criticato dai democratici, che si accanì contro l'allora presidente americano Bill Clinton per lo scandalo Lewinsky. Hillary inoltre ha criticato Obama e il suo staff per la loro poca esperienza in questo campo.

La consigliera ha risposto alle accuse della Clinton sempre nella stessa intervista, sulla presunta inesperienza del rivale. "Hillary Clinton dipinge come ingenue le convinzioni di Obama sulla necessità di incontrare anche i dittatori, ma lui è uno che non teme di prendere decisioni difficili", ha detto Power, descrivendo il senatore dell'Illinois come "una persona piacevole e una persona che tutti adorano quando lo conoscono".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il