BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Web 3.0: Internet a oggetti. Google, P2P, social network potrebbero non essere più i protagonisti

Tim Berners-Lee, l'ideatore del World Wide Web, fa una previsione sul possibile futuro di Internet, il cosiddetto Web 3.0



È ancora chiaro solo a pochi il presente di Internet e del Web, il cosiddetto Web 2.0. Concetti come il social networking e la rete partecipativa sono degli assoluti punti interrogativi per buona parte degli utenti, ma c'è chi prova già a prospettare la fisionomia futura della rete.

Tim Berners-Lee, l'ideatore del World Wide Web, è tra questi e in un'intervista pubblicata sul Times spiega la sua visione del futuro di Internet.

Alla base di tutto c'è il concetto di Web semantico. Sostanzialmente si tratta di un modello per cui alla base dell'organizzazione del Web ci sarebbero i contenuti e non le strutture che li inglobano.

Oggi ogni contenuto è associato a una pagina Web che lo contiene e per trovare il contenuto occorre creare un collegamento alla pagina. Per potere avere una mappatura dei contenuti occorre scandagliare tutte le pagine esistenti nel modo più completo e approfondito possibile, in modo da identificare cosa ciascuna di queste contiene.

Proprio questo è il lavoro svolto egregiamente da Google, che ha reso attualmente l'azienda di Mountain View la più importante realtà Web del pianeta.

Con il Web semantico però le cose potrebbero cambiare in modo radicale. Infatti ciascun contenuto avrà una sua codificazione che potrà essere raggiunta direttamente e indipendentemente dal contenitore-pagina che le ospita. In questo modo qualsiasi oggetto-contenuto potrà essere legato a qualsiasi altro in modo diretto e fuori da applicazioni come i browser.

La condivisione dei contenuti e lo scambio di informazioni avverrebbe fuori da ogni applicazione precostituita e integrabile in ogni tipo di software connesso in rete.

Quali modelli di utilizzo della rete potranno profilarsi è ancora presto per dirlo, ma quel che è certo è che il Web 3.0 potrà davvero stravolgere il modo in cui la rete è intesa attualmente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



pubblicato il