erdere punti della patente non fa più paura agli italiani. Troppi pochi i controlli

Troppi pochi controlli e troppa facilità nel recuperare i punti persi: sono questi i motivi per cui la patente a punti non preoccupa più nessuno



Dopo circa cinque anni dall'introduzione della patente a punti, l'efficacia di questo sistema è in calo. A dimostrarlo è il fatto che una tra le norme più semplici del codice della strada, l’uso delle cinture di sicurezza, non è osservata da un italiano su tre. Secondo il monitoraggio “Ulisse” condotto dal ministero dei Trasporti, ad allacciarsi la cintura è infatti nel nostro Paese solo il 64 per cento della popolazione contro l’83 per cento dei primi mesi di sperimentazione della patente a punti. 

Il tutto con conseguenze non solo sulla salute degli automobilisti, ma anche sulle casse del sistema sanitario nazionale. Se infatti la percentuale di utilizzo salisse al 95 per cento, il risparmio per lo Stato sarebbe di 1,3 miliardi di euro l’anno. 

Ma il dato “più grave e preoccupante”, secondo il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, è che la percentuale di utilizzo è in calo. Il 64 per cento di media nazionale registrato nel 2007 è infatti in flessione rispetto al 71,6 per cento del 2006 e al 72,5 per cento del 2005. 

Le cose non vanno molto meglio per quanto riguarda il casco, anche se i dati disponibili sono ancora parziali. Il rapporto rileva infatti una notevole variabilità sul territorio tra chi in moto indossa abitualmente il casco e chi invece lo lascia semplicemente a casa. Nel nord e in parte del centro del Paese l’uso risulta “molto elevato collocandosi generalmente tra il 90 e il 100 per cento”. Ma nel Mezzogiorno l’uso è “a macchia di leopardo”. 

“La patente a punti non fa più paura agli italiani – ha detto il Codacons - perchè i controlli sulle strade sono scarsi e perchè è troppo facile recuperare i punti persi”. 

“Le disposizioni del Codice della strada, specie quelle relative all’uso della cintura, - afferma l’associazione in una nota - vengono violate perchè è difficile essere colti in flagrante, a causa della carenza di agenti delle forze dell’ordine e dei vigili urbani sulle strade italiane. A tutto ciò va aggiunto che, in caso di decurtazione dei punti, è possibile recuperarli con una certa facilità, sostenendo degli appositi corsi a pagamento."

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il