Truffa falsi ciechi: pensioni e indennità di accompagnamento per quasi 4 milioni di euro scoperti

Fingendosi cieche, moltissime persone hanno rubato soldi allo Stato per un totale di quasi 4 milioni di euro



L'operazione "Gerico" condotta dalla Guardia di Finanza fra Campania, Lazio, Sicilia e Calabria ha portato alla denuncia per truffa ed altri reati di ben 82 persone tra falsi ciechi, medici e componenti delle commissioni incaricate di assegnare le pensioni e le indennità di accompagnamento.

I finti ciechi arrivavano a percepire una pensione di circa un migliaio di euro al mese e tra loro c'era anche chi la percepiva da oltre 30 anni, per un ammontare di denaro superiore ai 200 mila euro.

La somma indebitamente ottenuta nel complesso arriva a quota 3 milioni e 800 mila euro - spiega il colonnello Fernando Verdotti, comandante del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie delle Fiamme Gialle - che ha operato di concerto con Inps ed Inail nell'esaminare le posizioni relative a 55.599 beneficiari di pensioni ed indennità di accompagnamento spettanti a chi è dichiarato affetto da cecità totale.

Le informazioni fornite dai due istituti sono state poi sovrapposte con altre contenute in diverse banche dati della Guardia di Finanza, come quelle dei possessori di patente di guida o di porto d'armi, e da un loro esame combinato si è arrivati ad individuare 371 soggetti che potevano verosimilmente aver percepito sussidi per invalidità senza i requisiti necessari previsti dalla legge. Come poi è stato accertato, non tutti dichiaravano il falso, tanto che l'illecito ha riguardato "solo" 82 di loro.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il