Accesa torcia olimpica 2008: due contestatori contro Cina con una bandiera per diritti umani. Video

Un uomo ha cercato di contestare leOlimpiadi in Cina 2008 durante la cerimonia di paertura della fiaccola olimpica portando una bandiera che innegiava ai diritti umani negati dal Governo cinese.



All'accensione della torcia per l'inizio ufficiale delleOlimpiadi 2008 che si terrano in Cina, nell'Antica Olimpia Jacques Rogge ha espresso la speranza che le Olimpiadi possano rappresentare la leva del cambiamento in Cina. Sotto il fuoco delle critiche per la timidezza con cui finora ha affrontato il nodo dei diritti umani in Cina, il presidente del Comitato dei Giochi ha sottolineato come potrebbero essere le stesse Olimpiadi a spingere Pechino verso il cambiamento, già 'aprendo il Paese all'osservazione del mondo che arriverà ai Giochi con 25.000 media'.

“Oggi annunciamo la tregua olimpica”, ha detto Jacques Rogge, presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio). “I Giochi devono celebrarsi in un’atmosfera di pace”, ha aggiunto sottolineando che “nessuno dei grandi leader internazionali” vuole il boicottaggio. Quindi, pur rispettando “l’opinione delle organizzazioni umanitarie” esse, ha precisato, “non sono rappresentative dell’opinione dei loro Paesi”

Il maltempo ha rovinato la parte più suggestiva del rito dell'accensione della fiamma olimpica e ha costretto gli organizzatori ad anticipare di un'ora la cerimonia. Attrici vestite come sacerdotesse greche hanno eseguito la coreografia, per la prima volta con la partecipazione di sei ragazzini che interpretavano le specialità dell'antico pentathlon. Maria Nafpliotou, a capo delle sacerdotesse, ha acceso conclude Repubblica.it - la torcia dell'Olimpiade di Pechino portata dal primo tedoforo, il greco Alexandros Nikolaidis, medaglia d'argento di taekwondo ai giochi di Atene del 2004.

Ma la manifestazione è stato anche il primo momento ( e ne accadranno quasi sicuramente molti altri ) di protesta contro il Governo cinese

Due uomini hanno provato infatti a impossessarsi del microfono durante il discorso del responsabile cinese del comitato organizzatore dei Giochi olimpici, Liu Qi, in apertura della cerimonia e un altro contestatore è riuscito ad arrivare alle spalle di Liu Qi, mostrando una bandiera con i cinque cerchi olimpici a forma di manette e con la scritta ‘Boicottate i Paesi che disprezzano i diritti umani’. L’uomo è stato subito allontanato dalle forze di polizia.

Durante l’incursione, la televisione cinese ha sospeso brevemente la trasmissione in diretta della cerimonia, scegliendo di trasmettere le immagini in leggera differita per evitare ogni incidente.



Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il