Informazioni private su Barack Obama, Hillary Clinton e John McCain rubate. Aperta inchiesta Governo

L'America ha avviato un'inchiesta interna per scoprire di più su quanto avvenuto nei giorni scorsi



Bill Burton, portavoce di Obama, ha sottolineato che «si tratta di un'oltraggiosa violazione della privacy e della sicurezza». Il senatore dell'Illinois ha chiesto inoltre che sia avviata anche un'inchiesta parlamentare sulla vicenda, giudicata estremamente grave. McCain - scrive Stampa.it -, sottolineando l'importanza del diritto alla privacy negli Stati Uniti, ha affermato che occorrono subito «azioni riparatrici» e che si deve fare subito «piena luce con un'inchiesta approfondita».

Il caso Watergate - ci ricorda l'agenzia Ansa - era nato il 17 giugno 1972, quando cinque uomini furono colti in flagrante dalla polizia a frugare tra i documenti del quartier generale del partito democratico, situato nel complesso Watergate a Washington. Il ritrovamento sull'agendina telefonica di uno dei cinque, l'ex-agente della Cia James W. McCord, del numero dell'ex-funzionario della Casa Bianca Howard Hunt creò il primo collegamento tra gli 'idraulici' (il nomignolo del gruppo 'operazioni sporche' della amministrazione Nixon) e le alte sfere della Casa Bianca repubblicana.

Era stata poi l'indagine dei due reporter del Washington Post Bob Woodward e Carl Bernstein, con l'aiuto di una ben informata ma cauta 'Gola Profonda' (identificato nel 2005 come il numero due dell'Fbi Mark Felt), a trasformare l' apparente vicenda di cronaca minore nello scandalo destinato a far crollare la presidenza Nixon.

Il portavoce del dipartimento di Stato Sean McCormack ha chiarito la vicenda - riporta sempre il sito del quotidiano La Stampa - durante una conferenza stampa, dopo che il segretario di Stato Condoleezza Rice aveva pubblicamente chiesto scusa al senatore dell'Illinois per l'accaduto. In principio, sembrava infatti che le violazioni riguardassero solamente il passaporto del candidato democratico di Chicago. «Rice ha espresso lo stesso tipo di sentimento anche nei confronti della senatrice Clinton e del senatore McCain», ha detto McCormack.


Nei file relativi ai passaporti sono incluse informazioni private come i dati anagrafici, il numero di Social Security (il corrispondente americano del codice fiscale, tramite cui si può avere accesso ai dati bancari e ad altri dati personali) e le informazioni sulla residenza delle persone. All'interno del sistema informatico del dipartimento di Stato esiste un software che automaticamente tiene sotto controllo i file relativi a personaggi di spicco, per esempio i parlamentari, e rileva eventuali accessi non autorizzati.

Secondo quanto riportato da McCormack, le violazioni sui dati di Obama e McCain sarebbero state commesse dalla stessa persona, un dipendente con contratto a termine del dipartimento di Stato attualmente impiegato, ma sono coinvolte altri due persone, anch'esse con contratto a termine, già licenziate. Le infrazioni su dati di Clinton sarebbero avvenute nell'estate 2007, quelle degli altri due senatori in gennaio.

I tre senatori hanno chiesto a gran voce - conclude Stampa.it - che fosse fatta immediatamente chiarezza sulla vicenda con un'indagine, il cui avvio è stato confermato sia da McCormack sia dalla stessa Rice che ha sottolineato «non essere stata a conoscenza della vicenda, sulla quale ci sarà un'inchiesta approfondita. Andremo a fondo di questa vicenda e forniremo tutte le notizie in nostro possesso man mano che le otterremo. Riteniamo che nessun americano debba subire violazioni del genere».

 Come spesso accade in questi casi - come scrive l'Ansa - sono proprio i tentativi di 'cover-up', per tenere nascoste informazioni giudicate imbarazzanti o compromettenti, a mettere sempre più nei guai i responsabili. Nella vicenda delle violazioni dei dossier dei tre candidati alla Casa Bianca, tenuti negli archivi elettronici del Dipartimento di Stato, a mettere in imbarazzo la Rice ed i suoi collaboratori è stato soprattutto il ritardo tra la scoperta delle intrusioni e la comunicazione di quanto era avvenuto alle massime sfere del dipartimento.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il