BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rate mutui da pagare in difficoltà circa 1 milione di famiglie italiane in forte crescita

In un periodo di crisi generale per l'economia, aggravata dalla crisi dei mutui, nemmeno le banche stesse aiutano il milione di famiglie che non riescono a pagare le rate degli stessi



Su una platea di 530mila famiglie sono circa 110mila quelle con problemi di insolvenza per il caro mutui e 420mila invece quelle in difficoltà. Questo perché «nelle famiglie a reddito fisso, se aumenta la rata è chiaro che si va in sofferenza».

Secondo i dati presentati da Altroconsumo le banche italiane sono in ritardo nell'applicazione delle nuove normative sui mutui e, ad un anno e più dall'entrata in vigore delle norme sulle liberalizzazioni, gli istituti di credito “ci provano”.

In 40 agenzie bancarie di Roma e Milano, è emerso che viene ostacolata la portabilità dei finanziamenti e si fanno pagare spese non più dovute con un danno per i consumatori calcolato in 4,5 milioni di euro. «Prepotenze», le definisce Catricalà, sottolineando come servano più sanzioni e controlli, infatti «in caso di inadempienza delle disposizioni di legge non è prevista una specifica sanzione. Il consumatore è lasciato solo».

Dal canto suo il direttore dell'Abi (Associazione banche italiane) Giuseppe Zadra, ha risposto che «la lentezza nel far funzionare in maniera adeguata la volontà politica che si è espressa con la legge non è dovuta a un atteggiamento doloso del sistema bancario». Per Zadra il cliente non può «avere il diritto di farsi dare un mutuo alle condizioni che vuole lui perché da nessuna parte esiste questo dovere da parte delle banche».

Banche che non aiutano anzi neanche applicano il dovuto mentre le famiglie sono sempre più in difficoltà e la crisi dei mutui americani con una recessione ormai in atto insegna.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



pubblicato il