Cellulari in aereo durante il volo in Europa. Saranno permessi con nuove regole

Buone notizie per chi viaggia molto e ha necessità di telefonare ovunque. Nuove disposizione delle Commissione Europea permetteranno di telefonare anche in volo



Grazie alle nuove misure adottate dalla Commissione Europea, i telefonini dei passeggeri dei voli europei saranno collegati ad una rete cellulare a bordo, collegata via satellite alla terra. Si manterrà così un livello della potenza di trasmissione più basso rispetto al collegamento diretto delle reti mobili a terra, assicurando la sicurezza degli apparecchi dell'aereo. Questo sistema armonizzerà i requisiti tecnici richiesti a livello comunitario, facilitando la gestione delle licenze nazionali concesse alle singole compagnie dai diversi Stati membri, nel rispetto del principio del mutuo riconoscimento. Un cellulare registrato in Francia, potrà usufruire dei servizi di comunicazione mobile in volo su un qualsiasi paese europeo, senza richiedere ulteriori licenze.

"L'azione della Commissione è motivata dal fatto che i servizi di telecomunicazione paneuropei, come la telefonia mobile a bordo degli aerei, richiedono uno "sportello normativo unico" per poter funzionare in tutto il territorio dell'UE. Per attuare questo nuovo servizio occorreva adottare una decisione normativa valida per tutto lo spazio aereo europeo", ha affermato Viviane Reding, commissaria europea responsabile della Società dell'informazione e dei media.

L'Agenzia europea per la sicurezza aerea per tutta l'Ue e le autorità dell'aviazione civile si stanno occupando della sicurezza tecnologica il volo, nell'ambito delle procedure per la certificazione dell'aeronavigabilità delle apparecchiature.

La Commissione non ha ancora determinato i costi del servizio, che non rientreranno nel regolamento sul roaming internazionale, che si riferisce solo alle reti terrestri. Sarà il fornitore del servizio a decidere i costi, ma sotto la vigilanza della Commissione europea.

"Ci attendiamo ora che le offerte tariffarie degli operatori siano trasparenti e innovative", ha aggiunto Reding. "I servizi di telefonia mobile a bordo possono essere molto interessanti, soprattutto per coloro che viaggiano per lavoro e hanno necessità di comunicare ovunque si trovino e ovunque vadano. Tuttavia, se i consumatori riceveranno bollette telefoniche astronomiche il servizio non decollerà".Grazie alle nuove misure adottate dalla Commissione Europea, i telefonini dei passeggeri dei voli europei saranno collegati ad una rete cellulare a bordo, collegata via satellite alla terra. Si manterrà così un livello della potenza di trasmissione più basso rispetto al collegamento diretto delle reti mobili a terra, assicurando la sicurezza degli apparecchi dell'aereo. Questo sistema armonizzerà i requisiti tecnici richiesti a livello comunitario, facilitando la gestione delle licenze nazionali concesse alle singole compagnie dai diversi Stati membri, nel rispetto del principio del mutuo riconoscimento. Un cellulare registrato in Francia, potrà usufruire dei servizi di comunicazione mobile in volo su un qualsiasi paese europeo, senza richiedere ulteriori licenze.

"L'azione della Commissione è motivata dal fatto che i servizi di telecomunicazione paneuropei, come la telefonia mobile a bordo degli aerei, richiedono uno "sportello normativo unico" per poter funzionare in tutto il territorio dell'UE. Per attuare questo nuovo servizio occorreva adottare una decisione normativa valida per tutto lo spazio aereo europeo", ha affermato Viviane Reding, commissaria europea responsabile della Società dell'informazione e dei media.

L'Agenzia europea per la sicurezza aerea per tutta l'Ue e le autorità dell'aviazione civile si stanno occupando della sicurezza tecnologica il volo, nell'ambito delle procedure per la certificazione dell'aeronavigabilità delle apparecchiature.

La Commissione non ha ancora determinato i costi del servizio, che non rientreranno nel regolamento sul roaming internazionale, che si riferisce solo alle reti terrestri. Sarà il fornitore del servizio a decidere i costi, ma sotto la vigilanza della Commissione europea.

"Ci attendiamo ora che le offerte tariffarie degli operatori siano trasparenti e innovative", ha aggiunto Reding. "I servizi di telefonia mobile a bordo possono essere molto interessanti, soprattutto per coloro che viaggiano per lavoro e hanno necessità di comunicare ovunque si trovino e ovunque vadano. Tuttavia, se i consumatori riceveranno bollette telefoniche astronomiche il servizio non decollerà".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il