Corte dei Conti bacchetta le Regioni: buco da 650 milioni nella Sanità

Secondo la Corte dei Conti c'è stato un netto peggioramento del contributo ai saldi di finanza pubblica delle Regioni e degli Enti territoriali nel 2003-2004



Secondo la Corte dei Conti c'è stato un netto peggioramento del contributo ai saldi di finanza pubblica delle Regioni e degli Enti territoriali nel 2003-2004, in particolare per quanto riguarda le Aziende sanitarie che hanno registrato un buco di 650 milioni di euro.

Lo rende noto la stessa Corte dei Conti con la relazione della sezione delle Autonomie sull'andamento della finanza locale nel 2003 e nel 2004.

Le Regioni e le Aziende sanitarie sono passate, secondo i dati forniti dalla Corte dei Conti, dall'accreditamento netto di 3.252 milioni nel 2003 a un indebitamento di oltre 650 milioni di euro nel 2004.

L'indebitamento delle Aziende sanitarie ha inoltre raggiunto i 5.700 milioni di euro, con uscite complessive aumentate nel periodo preso in esame di circa il 9% (contro il 3% del 2003).

La relazione della Corte dei Conti segnala inoltre che le Regioni presentano 'forti differenze nell'efficacia delle politiche di razionalizzazione della spesa: ... a tre regioni [Campania, Lazio e Sicilia] sono riconducibili nel 2004 quasi 2.100 milioni di perdita'.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il