BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nuovo Governo in Spagna Zapatero con consiglio dei ministri con nove donne e nuove figure e mansioni

Ribadita la presenza paritaria di uomini e donne nell'esecutivo, con una presenza maggioritaria di queste ultime (9 donne e 8 uominie con diverse novità.



Ribadita la presenza paritaria di uomini e donne nell'esecutivo, con una presenza maggioritaria di queste ultime (9 donne e 8 uomini), le novità riguardano: la titolarità di una donna al Ministero della Difesa (con la catalana Carme Chacón che, precedentemente, occupava il Ministero della Casa); l'istituzione di due nuovi Ministeri, quello dell'Eguaglianza e quello dell'Innovazione e Sviluppo; l'accorpamento dell'Istruzione con le Politiche Sociali e dell'Ambiente con l'Agricoltura; la fuoriuscita dall'Esecutivo di Jesús Caldera, che aveva molto ben operato nella passata legislatura come Ministro del Lavoro e che andrà ad occuparsi di una nuova fondazione del partito con proiezione nazionale e internazionale.

La rappresentanza territoriale all'interno del governo rimane immutata, con la titolarità di due Ministeri per la Catalogna (oltre alla Chacón, il Sindaco dell'Hospitalet de Llobregat andrà ricoprire l'incarico di Ministro del Lavoro e dell'Immigrazione), l'Andalusia e la Galizia; mentre, vi è l'inserimento, per la prima volta, di una presenza basca (Cristina Garmendia, al Ministero dell'Innovazione e Sviluppo).

A fronte di 5 new entry, le principali riconferme riguardano le due vice-presidenze, con Maria Teresa Fernández De La Vega e Pedro Solbes, Ministro dell'Economia; il Ministro degli Interni, con Alfredo Pérez Rubalcaba e il Ministero degli Esteri, con Miguel Ángel Moratinos.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il