Rimborsi fiscali per cittadini Usa che non hanno reddito o poco: circa 1000 dollari a persona

Una pioggia di rimborsi fiscali, all’incirca 1,3 miliardi di dollari, sta per bussare alle tasche di 1,3 milioni di contribuenti statunitensi come avviene quasi ogni 5 anni con asoluta regolarità.



Una pioggia di rimborsi fiscali, all’incirca 1,3 miliardi di dollari, sta per bussare alle tasche di 1,3 milioni di contribuenti statunitensi come avviene quasi ogni 5 anni con asoluta regolarità.

La variegata tipologia di contribuenti cui si rivolge è costituita da soggetti generalmente non tenuti all’invio della dichiarazione dei redditi, tra i quali spiccano pensionati a basso reddito, veterani sotto condizioni speciali, lavoratori stagionali e, in ultimo, salariati i cui stipendi sono talmente modesti da essere esclusi automaticamente dal versamento di imposte e tasse.

A questo punto entrano in scena i rimborsi fiscali dormienti. Infatti, per poterne beneficiare è comunque indispensabile inviare la propria dichiarazione dei redditi.

Il risultato è che, in caso di mancata trasmissione della documentazione fiscale necessaria, la somma destinata a rimborso resta congelata nelle casse dell’Amministrazione fiscale, in attesa che l’avente diritto ne formalizzi la richiesta.

Come? Provvedendo a compilare e a inviare la dichiarazione dei redditi riferita all’anno d’imposta in questione.
 
Per sanare questa contraddizione della norma, l’Amministrazione ha introdotto una finestra temporale di tre anni, periodo entro il quale i contribuenti interessati possono ancora inviare la dichiarazione anche se non erano

In pratica, entro martedì 15 aprile, termine ultimo previsto dalla norma, 1milione e 300mila contribuenti statunitensi a basso reddito potranno ancora reclamare il loro rimborso inviando la dichiarazione dei redditi agli uffici del Fisco federale di Washington.
In media, ogni singolo soggetto che ha diritto al riparto delle somme ancora congelate potrebbe vedersi consegnare dall’erario fino a 1000 dollari.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il
Puoi Approfondire