Sindaco Roma: ballottaggio 2008. Rutelli e Alemanno faccia a faccia finale a Matrix. I temi trattati

Ultimo faccia a faccia finale tra Alemanno e Rutelli prima del grande ballottaggio finale per la carica a Sindaco di Roma



Ieri, nell’ ultimo faccia a faccia fra Rutelli e Alemanno durante la trasmissione televisiva ‘Matrix’ sono stati toccati temi quali gli alleati ‘scomodi’, la sicurezza, l’emergenza casa, la questione Alitalia.

“L’idea che il mio avversario ha messo in campo su Roma - ha esordito Rutelli - è nera, cupa, distruttiva. Lo sforzo che cercherò di fare, anche con chi non la pensa come me, è dare fiducia alla mia città. Alcuni commercianti che ho incontrato oggi - ha aggiunto - mi hanno detto: ‘sembra che Alemanno si candidi a fare il sindaco del Bronx, ma a Roma si sta bene’. Servono cose nuove e diverse, ma non voglio che Roma sia presentata come la città dipinta in questi giorni”.

Pronta la replica di Alemanno: “Anch’io ho incontrato molta gente, ma sono stato molto meno fortunato. La gente chiede sicurezza, chiede di poter stare per le strade senza avere paura. C’è una confusione di fondo. Quando noi lanciamo accuse le lanciamo non ai cittadini ma a chi ha amministrato Roma. Veltroni ha lanciato una specie di scambio, propone se stesso come fosse Roma e dunque attaccare lui è come attaccare Roma”.

Rutelli ha ricordato quanto fatto fino ad oggi dal centrosinistra e le nuove opre in costruzione, dai 25 nuovi chilometri di metropolitane alle 30 nuove stazioni. Ma per Alemanno non si è modificato molto: “Per quanto riguarda Veltroni, il poco di buono e il tanto di male che ha prodotto - ha detto Alemanno - si chiama solo buonismo, il buonismo veltroniano, che ha certamente creato una città con maggiore fair play, dove c’è stato meno contrasto ideologico. Peccato che in questa ultima fase c’è stato uno scadere della campagna elettorale, in un modo un po’ di basso profilo”.

Alemanno ha quindi incalzato, spiegando che “il buonismo ha prodotto un fatto grave, ha generato un’idea e non solo a Roma ma in tutto il Mediterraneo, che a Roma si può fare qualsiasi cosa. Questo ha fatto arrivare flussi di immigrati convinti di non avere vincoli e creare un grande caos che sta confondendo ogni livello”.

Rutelli ha ribattuto chiedendo se questo “avviene solo a Roma, gli italiani non vedono la televisione, non vedono cosa accade a Milano, perché - ha aggiunto - non hai chiesto le dimissioni di amministratori di Milano dopo i gravi fatti accaduti lì?”.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il