Piano contro la fame del mondo: task force Banca Mondiale e Nazioni Unite

La situazione è diventata ormai insopportabile, oltre ogni limite, bisogna intervenire al più presto. E' quello che cercheranno di fare le Nazioni Unite e l'ONU



E' stata accordata a Berna in Svizzera, dalle Nazioni Unite e dal segretario generale dell'ONU, Ban Ki-moon, la task force che vedrà impegnate le due potenze per combattere la fame nel mondo.

Il prezzo del riso e del grano sono nettamente aumentati, ha annunciato Robert Zoellick, presidente della Banca Mondiale, e resteranno ancora alti; le prossime settimane saranno cruciali nell'affrontare la crisi. Il prezzo del riso ha superato per la prima volta nella storia i mille dollari a tonnellata e nell'ultima settimana l'impennata del prezzo è stata del 16%. La Banca mondiale considera anche l'ipotesi di meccanismi di finanziamento in tempi molto brevi per i Paesi più poveri e assicura strumenti più flessibili di finanziamento per gli altri. Sono previsti per il prossimo anno nuovi finanziamenti, fino 800 milioni di dollari, destinati all'agricoltura in Africa.

Considerando questa drammatica scalata dei prezzi degli alimenti in tutto il mondo e l'evoluzione fino a un disastri senza precedenti e di proporzioni globali, la squadra di esperti, costituita da tutti i capi delle agenzie Onu, dovrà ottenere dei fondi urgenti per il PAM, Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite e aiutare a risolvere la crisi per coloro che sono più vulnerabili nel pianeta includendo anche i poveri delle città. Così è stato affermato  dall'ONU in un comunicato emesso dalla storica riunione tenutasi nella capitale svizzera tra le 27 agenzie settoriali delle Nazioni Unite, tra cui il Programma Mondiale degli Alimenti (PAM) o l'Organizzazione per l'Agricoltura e l'Alimentazione (FAO).

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il