Crisi mutui subprime e aziende italiane che ne hanno sofferto: il caso di Cir

Il caso di un'azienda italiana che è stata provata economicamente dalla crisi dei mutui



Sono tre le caratteristiche per cui Cir ha subito un forte impatto economico dopo la crisi dei mutui subprime.

La prima deriva dal pesante impatto diretto della svalutazione di Oakwood, società attiva proprio nel settore dei mutui ad alto rischio e di cui il gruppo Cir controlla insieme a Merrill Lynch il 47,52 per cento. L’azzeramento del valore delle società britanniche di questa società finanziaria e le altre svalutazioni hanno avuto un impatto di 64,6 milioni sul bilancio di Cir.

Se si considera che il gruppo ha realizzato nel 2007 utili per 82,6 milioni si comprende chiaramente che le perdite di Oakwood sono l’evento principale dell’esercizio appena trascorso.
Ma la crisi generata dai mutui ad alto rischio coinvolge anche altri settori - è questa la seconda caratteristica - come quello editoriale fortemente ciclico e quindi esposto all’andamento generale dell’economia in quanto dipendente dagli introiti pubblicitari. Si obietterà che la raccolta pubblicitaria dei vari asset (dalla tv alla radio alla carta stampata) di Cir è risultata maggiore del mercato. La flessione degli utili del Gruppo L’Espresso da 103,6 milioni a 95,6 milioni di euro nel giro di un anno e un fatturato che si è mantenuto stabile a 1,09 miliardi (-0.4% su base annua per l’esattezza) non sono però indizi di un’attività particolarmente brillante, pur considerando qualche posta straordinaria che ha appesantito leggermente il conto economico.

Sul fronte degli investimenti - terza caratteristica - è difficile contestare le scelte di Carlo De Benedetti, patron del gruppo Cir e primo azionista di Management & Capitali. Il gruppo ha, infatti, mostrato estrema lungimiranza concentrandosi su nuove aree di business anticicliche come quella dell’energia e quella della sanità. Dal primo punto di vista Sorgenia sembra davvero un fiore all’occhiello ed è già la prima azienda del gruppo Cir per fatturato (1,89 miliardi di euro) e potrebbe diventare presto la prima anche per utili (attualmente sono 65 milioni contro i circa 95 milioni de L’Espresso).

Il repowering di Tirreno Power, la principale società di generazione del gruppo, ha comportato l’apertura di una linea di credito da 1,2 miliardi di euro in sette anni che contribuisce con decisione alla posizione finanziaria netta negativa per 1,33 miliardi a fine 2007 (erano 850 milioni a fine 2006). Questo non mette a rischio l’equilibrio patrimoniale dell’azienda (il rapporto debt/equity è di 0,65), ma pesa sulla redditività del gruppo e in particolare sugli oneri finanziari.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il