Film online da scaricare su Itunes di Apple nel momento stesso in cui esce il dvd. Rivoluzione?

A rischio il futuro del cinema, inteso proprio come luogo fisico, soprattutto dopo gli ultimi sviluppi della Apple



Firmato un accordo tra le maggiori case cinematografiche e l'azienda di Cupertino per permettere la distribuzione dei film su iTunes contemporaneamente all'uscita degli stessi su dvd.

La notizia ci rende alquanto perplessi e ci spinge a riflettere sul futuro, non molto prossimo, del cinema. L'evoluzione tecnologica è, invero, punto di dibattito da diversi anni in ambiente cinematografico e ha visto in campo due schieramenti contrapposti. Da un lato coloro che esaltano il processo di miniaturizzazione del formato cinematografico e dalla fruizione attraverso apparecchiature portatili (come appunto l'I Pod). Dall'altro lato abbiamo coloro, che vedono in tale fenomeno la morte di un arte che risulta essere ancora troppo giovane.

A discapito di quest'ultimi, però, questo processo sembra essere diventato inarrestabile e la dimostrazione ci viene data proprio da questa notizia, che provocherà non poca amarezza agli esercenti di videonoleggio. Infatti, l'uscita in contemporanea dei film su I Tunes e in dvd spingerà in molti a preporre la via più comoda, ovvero scaricare il film e inserirlo nell'apposito lettore.

Tra l'altro, il fenomeno I Pod, sembra essere divenuto sempre più consistente, in quanto la sua grande capacità di memoria, permette ai suoi fruitori di avere in qualsiasi posto e in qualsiasi momento complete discografie, innumerevoli foto e da oggi anche le prime uscite dei film.

A risentirne sarà proprio il cinema, che già dimostra di essere in crisi per colpa di una pirateria che è anche più aggressiva del processo tecnologico. Le sale e i videonoleggio dovranno fare i conti con questa dura realtà. La colpa di tutto ciò, però va trovata nel cinema stesso, incapace di prevenire a tali meccanismi di automazione.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il