Tessere e carte fedeltà dei supermercati: Garante della Privacy pone dei limiti e nuove regole

Le carte di fedeltà dei grandi supermercati portano con se alcuni rischi: il Garante interviene



Il Garante della Privacy parte all'attacco di queste carte della grande distribuzione e lo fa con una multa e indicazioni perentorie alla catena GS, sede legale a Milano e 400 punti vendita sparsi per la Penisola: alla società è stata notificata una sanzione da 54mila euro con la motivazione di non ‘aver adeguatamente informato i consumatori dell'uso che avrebbe fatto dei dati forniti per l'adesione a un programma di fidelizzazione’.

Secondo quanto riportato, la catena avrebbe raccolto ed elaborato all'insaputa dei clienti non solo dati come professione o numero di cellulare, ma anche il numero degli scontrini emessi, i dettagli dei prodotti acquistati e il negozio in cui il possessore della tessera fa la spesa.

Una presa di posizione, quella del Garante, che potrebbe presto coinvolgere anche altre grandi ipermercati.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il