Office 2007 compatibile con Pdf e ODF: potranno essere gestiti come normali formati con SP 2

Microsoft mette le mani avanti e dichiara che la suite d'ufficio Office si aprirà ai formati aperti



Dal 2009, con MS Office sarà possibile aprire file in formato Open Document File (ODF), Portable Document Format (PDF) e XML Paper Specification (XPS, formato di Microsoft simile al Pdf). Il tutto attraverso un aggiornamento automatico che sarà rilasciato nel Service Pack 2 per Office 2007.

Al momento, per aprire file in formato non-Windows bisogna ricorrere ad appositi "convertitori" che spesso danno più grattacapi che altro. Come ha lamentato di recente l'agenzia governativa inglese BECTA il software per il supporto dello standard ODF all'interno di Office presenta funzionalità limitate rispetto alla più facile integrazione dei formati proprietari di Microsoft. Il che spesso rappresenta un problema per tutte le istituzioni (tra cui anche molte scuole) che sono migrate ad Open Office, la suite concorrente e open-source supportata tra l'altro da IBM e Sun Microsystem.

Con l'aggiornamento non sarà comunque possibile trasformare ODF nel formato di default di Office 2007.
Allo stesso tempo, Microsoft ha annunciato che continuerà a lavorare per rendere interoperabili anche le versioni precedenti della nota suite per la produttività. "Molti clienti e governi si aspettano questo da noi. Per ora, annunciamo questo supporto. Ma annunciamo anche che saremo coinvolti direttamente anche nello sviluppo del formato ODF", ha spiegato a Cnet Tim Robertson, general manager per l'Interoperabilità e gli Standard a Microsoft.

Va ricordato comunque che da poco l'azienda di Bill Gates ha ottenuto l'accettazione da parte dell'International Standards Organisation (ISO) per OOXML, il formato sviluppato da Microsoft come alternativa a ODF.

La Commissione europea ha commentato con cautela l'annuncio di Redmond. In una nota diffusa ieri, da una parte dà il benvenuto "ad ogni passo di Microsoft verso un'autentica interoperabilità". Allo stesso tempo, aggiunge però che bisognerà approfondire "se il supporto di ODF in Office porterà a una migliore interoperabilità e permetterà ai consumatori di modificare e scambiare i propri documenti con il software di loro scelta". Bruxelles non si fida del semplice "annuncio" e aspetta di testare sul campo la novità che potrebbe comunque riservare limitazioni non ancora annunciate.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il