Incidenti auto sono in diminuzione così come autovetture rubate in Italia secondo ultime statistiche

Tutte le statistiche relative ai furti e agli incidenti che avvengono annualmente nel BelPaese



La maglia nera per il record dei furti va alla Campania (31.239 auto rubate) seguita dal Lazio (30.935) e dalla ella Lombardia (28.606). Negativo anche il bilancio di Puglia (18.377), Sicilia (16.465) e Piemonte (12,725). Le province più gettonate dai "topi d'auto" sono invece quelle di Roma (28.374), Napoli (22.523), Milano (20.774), Torino (10.851) e Bari (10.326).

Sorprendente il dato sulla fascia oraria più a rischio: contrariamente a a quello che si potrebbe pensare non è quella notturna (da mezzanotte alle 5), ma quella serale (dalle 17 alle 24), quando viene commesso il 44% dei furti. Di sabato e domenica, inoltre, si rubano meno macchine.

Le auto utilitarie quelle che vanno più a ruba. Tra i modelli in vetta alla classifica troviamo la Fiat Uno (21.041), la Fiat Punto (10.844), la Fiat Panda (8.486) e la Fiat Cinquecento (7.082). Queste autovetture sono le più richieste per un uso temporaneo: per commettere reati (rapine, trasporto di droga, ecc); per scorribande giovanili; per il traffico di pezzi di ricambio usati. Le macchine d'alta gamma vengono invece rubate prevalentemente per essere "riciclate" verso Paesi europei ed extra europei.

Sono lievemente in calo le vittime di incidenti stradali. Nel 2006 sono state 5.669 (con 332.955 feriti) contro le 5.818 (con 334.858 feriti) del 2005. Spetta alla Lombardia il triste primato di regione dove si fanno più incidenti (46.173) e si muore di più (877), seguita dal Lazio (31.344 incidenti e 575 morti) e dall'Emilia Romagna (23.950 incidenti e 539 morti). ).

I giorni più neri della settimana si confermano il sabato e la domenica mentre i mesi più pericolosi sono giugno e luglio. Infine, le città dove si verificano più incidenti d'auto sono Roma e Milano, seguite da Genova e Napoli.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il