Fuga radioattiva tra Cina e Russia per scoppio deposito di armi chimiche. Piccola Cernobyl?

La catastrofe è colossale anche per il fatto che dalla fabbrica molti componenti del fosgene si starebbero scaricando nel vicino fiume Sungari (



Tutto - dicono le agenzie di Mosca - si è verificato nella fabbrica cinese di Zizinkar dove si lavora il fosgene, un gas incolore di odore soffocante, estremamente tossico.

E le fonti russe, appunto, mettono in relazione l’attività della azienda con il deposito nascosto sin dai tempi della seconda guerra mondiale proprio per il fatto che il fosgene era adoperato dall’industria militare di quegli anni come aggressivo chimico.

La catastrofe è colossale anche per il fatto che dalla fabbrica molti componenti del fosgene si starebbero scaricando nel vicino fiume Sungari (oltre mille chilometri di lunghezza).

Tutto questo ha già portato la Russia a dichiarare lo stato di allarme nell’intera regione di confine e il primo ministro Putin ha mobilitato la protezione civile delle zone siberiane. Da parte dei cinesi - sino a questo momento - non c’è nessuna informazione.

E da Mosca arriva la decisa protesta del ministro delle Risorse naturali - Jurij Trutev - il quale in proposito, dichiara che i cinesi non fornendo le notizie più elementari sulla natura della catastrofe e sulla quantità di fosgene dispersa stanno violando tutti i rapporti di collaborazione firmati a suo tempo sulle questioni del rispetto dell’ecologia nelle regioni siberiane.

Intanto i media russi che operano nelle zone colpite dalla nube di fosgene forniscono alle popolazioni le prime indicazioni sul come mettersi al riparo. Sul posto si trovano le squadre militari della difesa chimica. Tutto, si dice, è sotto controllo, ma la paura è molta, soprattutto perché le acque del fiume Sungari vanno verso la Russia.

Per i russi torna così l’incubo Cernobyl pur se nell’incidente cinese ci sarebbero, al momento, solo poche vittime.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il