Contratti di lavoro: riforma in discussione tra Confindustria e Sindacati. I principali temi

Certezza delle nuove regole, contenuti diversi dei livelli di contrattazione e sostanziale alleggerimento della parte nazionale in favore di quella aziendale: questi i tre punti su cui verterà la discussione per stabilire le norme dei nuovi contratti



Certezza delle nuove regole, contenuti diversi dei livelli di contrattazione e sostanziale alleggerimento della parte nazionale in favore di quella aziendale: questi i tre punti su cui verterà la discussione per stabilire le norme dei nuovi contratti di lavoro.

Confindustria si dice pronta e il suo presidente, Emma Marcegaglia, afferma con forza di voler cambiare un sistema contrattuale ormai vecchio e superato.

Punta sulla meritocrazia e l’efficienza la Marcegaglia che ha anche ribadito che nel nuovo assetto contrattuale l'incremento dei salari dovrà essere legato all'aumento della produttività e dell'efficienza.

Il tema è da una parte recuperare produttività e dall'altra rafforzare i salari per rinnovare un sistema che unisca le due cose e i salari aumentano se aumenta la produttività e, dunque, il ricavo dalla vendita del prodotto. Nulla di più facile, in teoria.

Il legame salario/produttività non lo si può fare a livello di contratto nazionale ma a livello di contratto aziendale, perché il ricavo aumenta se si considerano le produzioni di imprese ed aziende nel loro insieme. Sono questi i settori che rendono maggiormente nel nostro paese e sono questi quelli in cui bisognerebbe puntare per iniziare un cammino di rinnovamento economico che, come molti sperano, possa avviare un ‘un rinascimento italiano’.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il