Prendere la pensione: si potrà andare in tabaccheria, farmacie, caserme e altri luoghi pubblici

Secondo quanto detto dal ministro della Funzione Pubblica e dell'Innovazione, Renato Brunetta, sarà possibile riscuotere le pensioni in tabaccheria, farmacie, caserme dei carabinieri e ferrovie, oltre che banche e poste, per prendere la pensione,



Le vie di comunicazione telematiche si sviluppano e coinvolgono gli aspetti della nostra vita quotidiana, creano un sistema di organizzazione diversa del territorio perché favoriscono un nuovo modo di comunicare. E, dopo la possibilità dei pagamenti di bollette online, nasce un nuovo progetto, denominato ‘reti amiche’.

Secondo quanto detto dal ministro della Funzione Pubblica e dell'Innovazione, Renato Brunetta, nel corso del convegno ‘Innovazione per la crescita e la qualità della vita’, in collaborazione con Fondazione Cotec, Confindustria, Unioncamere e Camera di commercio di Roma, in occasione della prima Giornata nazionale dell'Innovazione, sarà possibile riscuotere le pensioni in tabaccheria, farmacie, caserme dei carabinieri e ferrovie, oltre che banche e poste, per prendere la pensione, pagare i contributi Inps e fare altre operazioni. Verranno cioè utilizzate le reti già esistenti nel Paese.

Per crescere e recuperare competitività il nostro Paese deve puntare soprattutto sull'innovazione, per colmare il gap con i Paesi più avanzati e ‘superare’ le pubbliche amministrazioni inefficienti.

Per Brunetta, cruciale è anche il ruolo della pubblica amministrazione, che deve e può trasformarsi in un vero e proprio driver di innovazione. Ma per far ciò, secondo il ministro, occorre una seria operazione di ristrutturazione e rilancio del settore pubblico per renderlo più efficiente e vicino e utile ai cittadini.

Autrice: Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il