BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Morti sul lavoro: 6 operai intossicati in una vasca depuratore a Mineo. Piano straordinario Sacconi

Morti bianche in di nuovo in discussione, la cronaca nera si colora di una nuova tragedia sul lavoro: Mineo, provincia di Catania, sei operai addetti alla pulizia della vasca di un depuratore sono morti per colpa delle esalazioni tossiche emanate dai



Morti bianche in di nuovo in discussione, la cronaca nera si colora di una nuova tragedia sul lavoro: Mineo, provincia di Catania, sei operai addetti alla pulizia della vasca di un depuratore sono morti per colpa delle esalazioni tossiche emanate dai prodotti per depurare.

Due di loro, forse i due operai della ditta specializzata Carfì di Ragusa, Salvatore Tumino e Salvatore Smecca, sono stati ritrovati abbracciati, nel tentativo di salvarsi.

Ed è polemica. Dopo l’incendio della Thyssen Group avvenuto nel dicembre 2007, questo evento è forse il più tragico. Ancora una volta frutto di approssimazione, superficialità, disorganizzazione, mancanza di cultura della prevenzione. E di risorse per la prevenzione, commenta Maurizio Bernava, segretario della Cisl Sicilia.

Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, si muove e propone un piano straordinario, condiviso dai sindacati, secondo cui bisogna realizzare un'impresa tra Stato, Regioni e parti sociali per stabilire azioni concrete che servano a creare un ambiente sicuro. Le regole da sole non bastano.

E’ necessario far qualcosa perché nasca e si radichi davvero una cultura del lavoro e della sicurezza. Questo non è altro che l’ennesimo episodio tragico che coinvolge persone qualunque che escono per andare a fare il loro dovere e non tornano mai più a casa. I sindacati sono d'accordo sul piano straordinario, ma chiedono di non modificare il testo unico.

Le operazioni dei vigili del fuoco per riprendere i cadaveri trovati in fondo alla vasca e impregnati di melma, hanno richiesto parecchie ore. Per pulire la vasca, i sei hanno rimosso una griglia di protezione e sono scesi per una scaletta dentro la vasca.

Poi, per effetto della mancanza di ossigeno o per la presenza di gas tossici, compreso il monossido killer, si sono sentiti male uno dopo l'altro e sono morti di asfissia. Questa la causa della morte. Ustioni gravi e asfissia le cause della morte dei lavoratori della Thyssen Group.

Ora si dice basta.

Autrice: Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il