BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Yahoo e Google accordo storico per pubblicità su Internet. Microsoft rinuncia per sempre ad acquisto

La saga Yahoo-Microsoft-Google è giunta all’ultimo episodio: le contrattazioni per una potenziale transazione con Microsoft, sia per una totale acquisizione di Yahoo o una parziale acquisizione, si sono concluse.



La saga Yahoo-Microsoft-Google è giunta all’ultimo episodio: le contrattazioni per una potenziale transazione con Microsoft, sia per una totale acquisizione di Yahoo o una parziale acquisizione, si sono concluse.

E si celebra un nuovo matrimonio, quello tra Google e Yahoo, di cui Microsoft è stato testimone. Prima le indiscrezioni relative all'abbandono del tavolo delle trattative con Microsoft, poi l'ufficializzazione di un accordo pubblicitario con Google: il risultato è l’accordo tra Yahoo e Google per la pubblicità online. E Microsfot è fuori. La notizia ufficiale è arrivata poco dopo la mezzanotte, quando i due colossi hanno annunciato una partnership non esclusiva nel settore della pubblicità web sul mercato statunitense e canadese.

In base all'accordo Yahoo potrà veicolare la pubblicità fornita da Google in alcuni dei propri risultati di ricerca e le due società  consentiranno anche l'interoperabilità tra i loro sistemi di instant messaging, rendendo possibile la comunicazione tra gli utenti di sistemi diversi.

A mercati chiusi è poi arrivata una sorta di conferma ufficiale da Microsoft. In una nota  l'azienda ha chiarito di non essere interessata a rinnovare un'offerta per l'intera Yahoo, lasciando tuttavia aperta una porta per discussioni su accordi alternativi. Uno spiraglio che però, dopo l'ok a Google, si è definitivamente chiuso.

Il patto tra i due motori di ricerca sarà ora vagliato attentamente dalle autorità antitrust statunitensi, anche se le due società comunicano di non ritenete necessaria una approvazione così formale. Per consentire alle autorità di verificare i dettagli dell'accordo, Yahoo e Google hanno comunque acconsentito a ritardare di tre mesi e mezzo la messa in opera del loro patto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il