BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Acquistare auto ai prezzi migliori: molti in Europa le comprano dagli Stati Uniti

Un numero crescente di automobilisti europei, soprattutto tedeschi, ha scoperto che, grazie alla deregulation americana che permette di acquistare i veicoli anche online con la carta di credito o comunque con minime formalità, il turista straniero ac



Un numero crescente di automobilisti europei, soprattutto tedeschi, ha scoperto che, grazie alla deregulation americana che permette di acquistare i veicoli anche online con la carta di credito o comunque con minime formalità, il turista straniero acquista una vettura di lusso europea e poi, terminata la sua vacanza negli Stati Uniti, se la fa spedire a casa via mare, e risparmia fino al 30% sui prezzi europei.

Meglio, dunque, l’oltreoceano per l’acquisto di una nuova vettura. Questo dipende dalla forma di sviluppo di mercato che in America è sicuramente crescente rispetto all’Europa.

Il mercato automobilistico europeo non può permettersi il lusso di abbassare troppo i prezzi delle auto perchè avvantaggerebbe i mercati giapponesi e sudcoreani.

Basta fare un semplice esempio per capire la soglia di risparmio Europa-USA: sul segmento delle auto di lusso una Porsche Boxter oltre Oceano si vende a soli 46 mila dollari (29.500 euro), mentre anche una più costosa Mercedes 350 cabrio, con tutti gli accessori e le tasse americane, viene a costare, nuova, non più di 85 mila dollari (55 mila euro).

I prezzi sorprendentemente bassi del mercato dell’auto sono una conseguenza diretta dell’indebitamento delle famiglie, pesantemente colpite dalla crisi subprime. La possibilità di vendere auto seguendo questa ‘facile e meno dispendiosa’ strada non è semplice.

Il rivenditore contattato da un intermediario, vende l’auto al soggetto terzo che compra il veicolo come se fosse per uso proprio e poi lo passa al cliente come automobile di seconda mano. Una volta in Europa però le autovetture devono essere nuovamente omologate.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il