BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui rate al 5,75% di interesse: il massimo da 5 anni

Secondo le stime dell'Abi, riportate dal bollettino mesile dell'associazione bancaria italiana, il tasso applicato dalle banche sui prestiti alle famiglie per l'acquisto delle abitazioni è salito al 5,75% dal 5,66% di aprile superando il



Secondo le stime dell'Abi, riportate dal bollettino mesile dell'associazione bancaria italiana, il tasso applicato dalle banche sui prestiti alle famiglie per l'acquisto delle abitazioni è salito al 5,75% dal 5,66% di aprile superando il massimo degli ultimi cinque anni che era stato raggiunto nel dicembre scorso (5,72%).

In rialzo anche il tasso medio sul totale dei prestiti a famiglie e imprese elaborato dall'Abi e pari al 6,23% (6,19% in aprile).

Cresce la raccolta bancaria, mentre decelerano gli impieghi. Secondo quanto emerge dai dati, il tasso di crescita tendenziale della raccolta è risultato pari al 10,2%, che si raffronta al +8,9% di aprile 2008 e al +6,9% di maggio 2007. Alla fine di maggio, la raccolta è risultata pari a 1.340 miliardi di euro e nel corso dell'ultimo anno lo stock è aumentato di circa 124 miliardi.

Si osserva una accelerazione sia del trend dei depositi da clientela, il cui tasso di crescita tendenziale è risultato pari al 4,8% (+3,9% ad aprile 2008 e +3% a maggio 2007), e della dinamica delle obbligazioni delle banche: +17,6% a maggio 2008 (+15,9% ad aprile 2008 e +12,8% a maggio 2007).

Il tasso medio sul totale di prestiti a famiglie e società non finanziarie, osserva ancora l'Abi, ha risentito delle condizioni del mercato interbancario (che nelle scadenze brevi, entro 3 mesi, tra aprile e maggio ha manifestato in media un aumento di circa 10 punti base), collocandosi al 6,23%, 4 punti base al di sopra di quanto segnato il mese precedente e 55 basis points al di sopra del valore di maggio 2007.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il