BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Investimenti consigliati Giugno 2008: petrolio, grano, oro e materie prime, non azioni

Per combattere la crisi economica e finanziaria che la sta facendo da protagonista nel nostro Paese, poche sembrerebbero essere le precauzioni da poter prendere.



Per combattere la crisi economica e finanziaria che la sta facendo da protagonista nel nostro Paese, poche sembrerebbero essere le precauzioni da poter prendere.
Ma per adattare il proprio portafoglio alla crisi di oggi, qualche piccolo sistema c’è.  Tutto, ovviamente, per colui che ha da investire.

I titoli di Stato non hanno meriti particolari, anzi le crescenti pressioni inflazionistiche dovrebbero determinarne un ribasso, ma vengono considerati una alternativa ai più rischiosi titoli azionari e l'incremento di domanda determina un aumento di prezzo.

Finché i timori di un incremento dell'inflazione rimarranno elevati una delle alternative percorribili è quella dei metalli preziosi. L'oro è sceso tra il 17 marzo e il primo maggio da quota 1.030 a 848 andando a ritracciare esattamente il 38% (primo dei valori della serie di Fibonacci) del rialzo dal minimo di ottobre 2006 per poi rimbalzare.

La reazione ha costruito un potenziale testa spalle rialzista che troverebbe conferma oltre i 925 dollari con un target sui massimi di marzo. Non è escluso, in caso di ripresa del rialzo oltre area 925, che i prezzi nel medio termine possano salire anche sopra quota 1.030. Oltre quota 925 potrebbe essere interessante intervenire al rialzo sull'oro.

Dall’oro al nero il passo è breve. Anche nel caso del petrolio è possibile identificare una serie di onde al rialzo con origine a inizio 2007. Scommettere ancora sul proseguimento del rialzo del greggio può sembrare azzardato, tuttavia segnali di rallentamento del trend non ve ne sono e i prezzi potrebbero quindi effettivamente salire ancora

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il