BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Dpef 2008-2013: tasse in Italia invariate fino al 2013, ma numerose liberalizzazioni

Il nuovo Documento di programmazione economica ( DPEF ) prevede una pressione fiscale costante fino al 2013. Quindi niente riduzione delle tasse per almeno altri 5 anni,ma numerose liberalizzazioni.



Il nuovo Documento di programmazione economica ( DPEF ) prevede una pressione fiscale costante fino al 2013. Quindi niente riduzione delle tasse per almeno altri 5 anni,ma numerose liberalizzazioni.

Oltre ad Alitalia, si pensa di vendere anche Poste, Poligrafico, Tirrenia e Fincantieri, ma non altre quote di Eni, Enel e Finmeccanica. Niente riduzione delle tasse: la pressione fiscale, che nel 2008 si attesterà al 43% del Pil, salirà addirittura (anche se di due decimali al massimo) nei prossimi anni e sarà al 42,9% nel 2013.

Il pacchetto contenuto nella manovra di finanza pubblica varata dal governo contribuirà, secondo il documento, per circa 5,7 miliardi nel triennio per raggiungere l’obiettivo del pareggio di bilancio. Risparmi dovrebbero arrivare in conseguenza del piano industriale per la pubblica amministrazione.

Poi ci dovrebbero essere introiti da privatizzazioni, ma non è prevista alcuna vendita. La quota in possesso del ministero dell'Economia per le società direttamente detenute (Eni, Enel e Finmeccanica) è ormai prossima alla soglia del 30%.

Eventuali ulteriori cessioni di pacchetti azionari, che avrebbero l'indubbio beneficio di generare consistenti introiti in tempi relativamente brevi, esporrebbero il paese al rischio di una perdita del controllo su aziende, tra i principali attori a livello internazionale, operanti in settori strategici.

La vendita toccherà invece all'Alitalia all'Istituto poligrafico e zecca dello Stato e poi Poste, Tirrenia e Fincantieri.

Il processo partirà nei prossimi anni e si conferma la volontà di procedere in tempi brevi ad attivare procedure di parziale o totale disimpegno dal capitale di due importanti aziende pubbliche: Fincantieri e Tirrenia.

Autrice: Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il