BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prezzi voli aerei con tasse e tutti i costi dichiarati in chiaro per legge Unione Europea

Per venire incontro alle esigenze e tutelare i passeggeri del trasporto aereo è stato compiuto un importante passo avanti con l'approvazione da parte del Parlamento diun nuovo regolamento.



Sembra che le norme, nazionali ed europee, inizino a produrre gli effetti sperati. Dal primo gennaio di quest'anno, infatti, l'Antitrust ha comminato ben sei condanne accompagnate da sanzioni per 47.500 euro.

Secondo Il Sole 24 ore, le multe sono legate alla pubblicità di tariffe aeree considerate ingannevoli. I procedimenti hanno riguardato campagne pubblicate su quotidiani e periodici che promettevano viaggi a prezzi molto bassi se non gratis, omettendo di dichiarare tasse e supplementi aggiuntivi.

Tra le compagnie colpite ci sono le low cost, come Aer Lingus, Easyjet e Jet2.com, ma anche la Czech Airlines e la British Airways, che dovrà sborsare 12 mila euro di risarcimento. Il fenomeno truffa sui voli cost sembra essere stato svelato.

Per venire incontro alle esigenze e tutelare i passeggeri del trasporto aereo è stato compiuto un importante passo avanti con l'approvazione da parte del Parlamento del regolamento che impone alle compagnie aeree di specificare tariffe, tasse, diritti aeroportuali e ogni altro supplemento connesso, ad esempio, alla sicurezza o ai carburanti.

Lo scorso anno il Parlamento europeo aveva adottato una Relazione di Arūnas Degutis che studiava la proposta di revisione del ‘terzo pacchetto aereo’ del 1992. Secondo il provvedimento, i biglietti aerei devono indicare chiaramente ai consumatori il prezzo finale compreso delle tasse ed eventuali spese aggiuntive.

Adottando questo emendamento il Parlamento intende porre fine alla scorretta pubblicità ed informazione dei passeggeri . Inoltre la stessa Europa ha dato uno stop ai vettori, sanzionando i siti che vendevano biglietti aerei senza nessuna specificazione dei costi, anzi indicando costi iniziali irrisori che andavano crescendo mano a mano che l'acquirente proseguiva nell'acquisto on line.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il