BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pace tra Israele e Palestina: sempre più vicina in Medio Oriente dopo incontro di Parigi

Israeliani e palestinesi non sono mai stati così vicini a un accordo.



La questione della pace in Medio Oriente è quella che da sempre sconvolge, distrugge, equilibri e vite, passa, sfociando sempre nel sangue. La pace in questo pezzo del mondo è la base per la pace del mondo, dice il premier israeliano Ehud Olmert, a Parigi per siglare la nascita dell'Unione del Mediterraneo sotto l'egida del presidente Sarkozy all'inizio del semestre francese di presidenza dell'Ue, ufficialmente varata domenica pomeriggio da Sarkozy alla presenza di 42 capi di Stato e di governo.  Israeliani e palestinesi non sono mai stati così vicini a un accordo.

In virtù di questa pace, che pare sia sempre più vicina, Olmert ha promesso al presidente dell'Autorità nazionale palestinese, Abu Mazen, la liberazione di un gruppo di prigionieri palestinesi, dicendosi d'accordo con una richiesta dello stesso leader palestinese ma sottolineando che non si tratta di uno scambio di prigionieri.

Nessuno sconto invece all'Iran: il premier israeliano ha spiegato che si avvieranno presto riflessioni “con l'Unione Europea e con gli Usa su come evitare il pericolo più grande, ovvero quello che viene da Teheran”. 


L'Unione mediterranea formata da 43 stati: i 27 dell'Ue, Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Mauritania, Sira, Tunisia, Turchia, Albania, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Monaco più l'Autorità palestinese. Assente annunciato, il leader libico Muammar Gheddafi, ostile all'iniziativa. Assente anche il re del Marocco Mohammed VI.

Quarantatre capi di Stato e di governo sono stati accolti dal Presidente della Repubblica francese nella maestosa cornice del Grand Palais di Parigi. L'idea alla base dell'incontro è quella di riprendere le fila del Processo di Barcellona inaugurato tredici anni fa, con l'obiettivo di riunire gli Stati membri dell'Unione e i paesi mediterranei attorno ad un programma di collaborazioni. Punti cardine delle relazioni l'aspetto politico della sicurezza, quello economico e finanziario e l'interazione socio-culturale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il