BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Treni alta velocità: azienda Ntv privata di Montezemolo e Della Valle farà concorrenza alle Fs

Debutterà sulle rotaie nel 2011 il primo operatore privato italiano del trasporto ferroviario sull'alta velocità. Il progetto porta la firma Montezemolo- Della Valle.



Debutterà sulle rotaie nel 2011 il primo operatore privato italiano del trasporto ferroviario sull'alta velocità. Il progetto porta la firma Montezemolo- Della Valle: due nomi, due garanzie bel panorama finanziario ed imprenditoriale italiano e internazionale.

La società è all'insegna dell'italianità. “Siamo imprenditori italiani, una grande assicurazione italiana, una grande banca italiana, quindi una vera impresa senza un euro di denaro pubblico”, ha specificato poi Montezemolo. La nuova ‘compagnia’ ferroviaria si chiamerà Nuovo Trasporto Viaggiatori (Ntv) e, stando alle prime stime, prevede di acquisire una quota di mercato del 20% entro il 2015 e punta a conquistare 30 mila viaggiatori al giorno e 10 milioni all'anno.

 L'obiettivo dichiarato è di contribuire alla crescita del sistema ferroviario e di valorizzare l'investimento dello Stato nell'alta velocità (la cui apertura è prevista nel 2010), pari a circa 40 miliardi di euro. Ntv sarà il primo operatore al mondo ad utilizzare il nuovo treno Alstom Agv, che viaggia a 360 chilometri all'ora. La flotta sarà di venticinque unità.

Dal 2011 il servizio dovrebbe essere effettuato sulle direttrici che vanno da Torino a Salerno, da Roma a Venezia e da Roma a Bari. Il progetto prevede anche un impatto positivo sull'occupazione: in un triennio si arriverà a circa mille addetti, di cui oltre 900 operativi.

Si potrà scegliere, quindi, se viaggiare con questi nuovi convogli Ntv ad altissima velocità oppure continuare ad utilizzare le Ferrovie dello Stato. L’obiettivo di offrire servizi completi e personalizzati ambienti confortevoli e tecnologicamente avanzati e grande qualità difficilmente potranno competere a livello di prezzo con gli attuali servizi ferroviari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il