Consumi in forte frenata, inflazione alta, pericolo mutui secondo Banca d'Italia

Il quadro che emerge Dal Bollettino economico diffuso da Bankitalia descrive un Paese fermo.



Un Paese fermo dove manca la produttività, dove la crescita del Pil non supererà lo 0,4% nel 2008 e nel 2009, dove i consumi stagnano, gli investimenti sono fermi, il potere d'acquisto delle famiglie è eroso dalla corsa del costo della vita, con la produzione industriale in calo dell'1% nel secondo trimestre dell'anno. Questo è il quadro che emerge Dal Bollettino economico diffuso da Bankitalia.

La situazione sarebbe allarmante. Bankitalia, secondo le prime stime, prevede che l'incremento dei consumi privati non andrà oltre lo 0,2% nel 2008 e lo 0,3% nel 2009 e che anche la spesa alimentare subirà una battuta d’arresto a causa dei forti rincari dei prezzi. Il pericolo inflazione è quello che sottolinea le maggiori criticità.

L'inflazione si manterrà sopra il 3% per tutto il 2008 e si attesterà al 3,8% nella media dell'intero anno per poi scendere al 2,8% nel 2009 su base armonizzata Ue solo, però, avverte Bankitalia ‘nell'ipotesi che il suo rialzo corrente non si ripercuota sul processo di determinazione di salari e prezzi e resti moderata la dinamica dei costi interni’.

Problemi per gli italiani arrivano anche sul fronte mutui. Nonostante lo spostamento della domanda verso i mutui a tasso fisso, saliti nel corso dei primi cinque mesi del 2008 a circa i due terzi delle nuove erogazioni, l'elevata quota di finanziamenti a tasso variabile erogata negli anni passati si mantiene più alta rispetto alla media europea l'esposizione delle famiglie italiane alle variazioni dei tassi d'interesse su questo tipo di mutuo.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il