Recessione economia mondiale nella seconda parte del 2008 e 2009: il rischio c'è secondo lo Fmi

Il Fondo Monetario Internazionale rivede al rialzo le stime di crescita per il Mondo, l'Europa e anche l'Italia. Ma lascia aperti scenari negativi.



Il Fondo Monetario Internazionale rivede al rialzo le stime di crescita per il Mondo, l'Europa e anche l'Italia: sia nel 2008 che nel 2009 il Pil italiano segnerà un +0,5%. Ma lascia aperti scenari negativi.

Il prodotto globale, in base alle stime aggiornate rese note dall'istituzione di Washington, salirà del 4,1% quest'anno e del 3,9% il prossimo, con una revisione al rialzo pari rispettivamente allo 0,4 e allo 0,1% rispetto alle stime di aprile.  Sempre nel mese di aprile il Fmi aveva previsto per l'Italia una crescita dello 0,3% sia per quest'anno sia per il prossimo.

Ma l'economia italiana si dimostra ancora una volta la più lenta tra quelle avanzate. La posizione dell’Italia è parecchio indietro rispetto a quasi tutti i Paesi. La Germania dovrebbe mettere a segno un +2% nel 2008 e un +1% nel 2009. Bene anche la Francia, con rispettivamente +1,6% e +1,4%. Bene anche la Spagna: +1,8% e +1,2%, la Gran Bretagna (+1,8% nel 2008 e +1,7% nel 2009) e il Giappone (+1,5% in entrambi gli anni).

Tra i Paesi emergenti, la Cina primeggia con un ritmo di crescita stimato al 9,7% quest'anno e al 9,8% il prossimo. Segue l’India il cui Pil dovrebbe aumentare dell'8% in entrambi gli anni. Non è, infatti, un caso che Cina e India siano stati proposti come nuovi Paesi per allargare il cerchio del G8.

Buono anche il processo per la Russia che beneficia del boom dei corsi del greggio: +7,7% e +7,3%. Il capo del Fondo Monetario Internazionale, Simon Johnson, spiega, però, che c’è la possibilità di un rischio recessione: la crisi economica americana si ripercuote su tutta l’economia mondiale, ma vi sono segnali positivi che farebbero sperare in un futuro migliore.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il