BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Acquistare casa adesso? Vendite diminuite, ma prezzi ancora no. Mattone sempre buon investimento

Il Rapporto Immobiliare 2008 dell'Agenzia del Territorio denuncia una situazione di crisi nel settore dell'acquisto di case nelle grandi città.



Il Rapporto Immobiliare 2008 dell'Agenzia del Territorio denuncia una situazione di crisi nel settore compravendite di case nelle grandi città.

A Napoli, mercato in calo del 16%, a Palermo del 12,5% e a Milano e a Bologna, segno negativo, rispettivamente, dell'11,8% e del 11,4 per cento. Roma registra una flessione dell'8,3% e, per la prima volta, dal 2000, compravendite in discesa anche nei piccoli centri urbani, segno di una crisi, ormai, evidente dell'intero settore, che, complessivamente, rispetto al 2006, perde il 4,6 per cento. I prezzi crescono nelle località turistiche.

A Portofino, Cortina d'Ampezzo e Capri, per esempio, i valori di un immobile sono circa 9 volte la media nazionale.

Nelle grandi città, invece, i prezzi al mq sono 3 volte il dato medio nazionale, mentre scendono di ¼ a Trapani e Vibo Valentia.

Diminuiscono le vendite di case, ma i prezzi non scendono, restano alti e allontanano sempre più la possibilità per un individuo di acquisto. Nonostante l’andamento negativo delle compravendite, il mattone, sempre secondo i dati emerso dal Rapporto, si conferma sempre un buon investimento, con un rendimento medio garantito intorno al 5 per cento.

Valutando il rapporto tra canone di locazione e valore di mercato al mq, l'Agenzia del Territorio calcola che, ai nuovi canoni stipulati nel 2007, una casa rende, in media, il 4,14%, mentre un posto auto, il 5,09 per cento. Da uffici, negozi e capannoni, invece, arrivano i rendimenti maggiori, tra il 5,19% e il 5,67 per cento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il