BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui a tasso fisso sono la maggior parte dei concessi. Richieste minori tranne al nord-ovest

Stabili le erogazioni dei mutui al Nord-Ovest e scendono le consistense dei mutui residenziali alle famiglie. Lo dice l'Osservatorio Mutui Case.



L’Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di UniCredit Banca per la Casa, dopo gli ultimi dati emersi, sostiene che le erogazioni dei mutui nel primo trimestre dell'anno rispetto allo stesso periodo del 2007 nelle regioni del Nord Ovest sono stabili (l'erogato dell'Area si è attestato a +0,05% nel 1° trimestre 2008 rispetto al 1° trimestre del 2007).  

Le consistenze dei mutui residenziali alle famiglie consumatrici, invece, sono scese del -1,25% rispetto all'ultimo trimestre del 2007 (223,5 miliardi), con una riduzione della componente mutui per acquisto casa sull'indebitamento delle famiglie italiane.

Il rapporto consistenze su Pil, che si attesta intorno al 18%, si conferma significativamente inferiore rispetto a quello degli altri Paesi Europei. L'importo complessivo dei mutui erogati, nei primi 3 mesi del 2008, è pari a 14.188 milioni di euro, in lieve contrazione ( -0,18%) rispetto al primo trimestre 2007.

Oggi oltre il 70% dei mutui richiesti è a tasso fisso ed il permanere delle attuali condizioni di elevato costo della provvista e di turbolenza dei mercati internazionali porteranno le banche a rivedere l'offerta sui tassi fissi a lunga durata.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il