BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nuovo contratto interinali per lavoratori con assegno disoccupazione, maternità, formazione

E' stato sottoscritto il nuovo contratto collettivo nazionale per i lavoratori in somministrazione.



Nuovi contratti per i lavoratori interinali. E' stato sottoscritto, infatti, il nuovo contratto collettivo nazionale per i lavoratori in somministrazione. Il contratto, firmato da Assolavoro (l'Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro) e da Alai Cisl, Nidil Cgil e Uil Cpo, prevede l'obbligo di assunzione del lavoratore in somministrazione dopo un massimo di 42 mesi.

Se, poi, non ci sono più occasioni di lavoro per i lavoratori assunti a tempo indeterminato con almeno 30 settimane di anzianità si avvia un percorso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, garantendo tuttavia misure di assistenza e di riqualificazione mirate al reinserimento dei lavoratori.

Novità anche per aunto riguarda i periodi di gravidanza: un assegno di 1400 euro in caso di gravidanza alle lavoratrici che abbiano cessato il rapporto di lavoro nell'arco di 180 giorni, un sostegno per le spese relative agli asili nido (quantificato in 80 euro mensili).

Per quanto riguarda, invece, l’ambito disoccupazione, è previsto un assegno di sostegno al reddito per i lavoratori in somministrazione disoccupati da almeno sei mesi pari a 700 euro e l'istituzione di un fondo di previdenza integrativa specifico per i lavoratori in somministrazione che copre anche i periodi di non lavoro tra un progetto e l’altro.

Di particolare rilevanza anche le novità in tema di sicurezza e salute sul lavoro, che prevedono, tra l'altro, la formazione mirata (da ripetere almeno ogni dodici mesi) e la possibilità di dimissioni per giusta causa del lavoratore in alcuni casi di violazione delle norme sulla sicurezza.

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il