BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutuo a tasso variabile con tetto massimo di interessi che non possono superare una percentuale

Il mutuo a tasso variabile con un tetto massimo stabilito è un contratto di prestito che si attua secondo modalità prestabilite.



Quando si parla di mutuo a tasso variabile con un tetto massimo stabilito, si parla di un contratto di prestito che consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto tra le parti.

 Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo è il classico mutuo a tasso variabile, ma con una clausola contrattuale in più in favore del mutuatario, secondo cui si stabilisce una somma che non potrà essere superata. Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo offre al mutuatario la certezza che, comunque vadano le cose, il rischio massimo è costituito da un tasso fissato contrattualmente.

Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo è adatto a chi preferisce il tasso variabile (diminuzione della rata in caso di diminuzione dei tassi), ma ha timore dalla possibilità di futuri eccessivi rialzi.

Questo mutuo offre al mutuatario la certezza che, comunque vadano le cose, il rischio massimo è costituito da un tasso fissato contrattualmente. Ed è solitamente consigliato a chi desidera cogliere le opportunità offerte dal mutuo a tasso variabile, senza per questo rischiare più di tanto in caso di aumenti dei tassi.

Il vantaggio di questo tipo di mutuo è che è collocato ad un tasso più basso, rispetto ai mutui a tasso fisso, anche se è sempre necessario considerare che si tratta di un mutuo collocato ad un tasso più elevato rispetto ai mutui a tasso variabile.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il