BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tariffe Tim e Vodafone cambiate via sms: cartello? Indagini Antitrust e Authority

Antitrust e Authority in campo contro i ritocchi delle tariffe annunciati da Tim e Vodafone.



Antitrust e Authority in campo contro i ritocchi delle tariffe annunciati da Tim e Vodafone.

Le modifiche dei vecchi piani tariffari 'low cost' decise quasi in contemporanea dai due operatori non convincono le Autorità di vigilanza.

Nell’occhio del ciclone il metodo scelto per la comunicazione da parte degli operatori ai clienti, cioé l'invio di un semplice sms avvenuto tra luglio e agosto. Via sms, infatti, non sarebbero stati specificati costi della variazione, costi del recesso, modalità di rimborso del credito residuo in caso di passaggio ad altro operatore e del bonus maturato ai fini di eventuali autoricariche.

A ribellarsi parte Vodafone che precisa di aver informato i propri clienti non solo tramite sms, ma anche con un numero dedicato, via web, al 190 e sui giornali. Canali che hanno permesso una comunicazione ‘pienamente trasparente’ che, secondo il gruppo britannico, sarà accertata dalle Autorità.

Le nuove tariffe di telefonia mobile che entreranno in vigore a breve per i clienti Tim e Vodafone non sono state ben accettate dai consumatori che, giorni fa, avevano presentato esposti a proposito delle variazioni delle tariffe di telefonia mobile decise dagli operatori. Le associazioni dei consumatori hanno presentato esposti all'Autorità delle comunicazioni e all'Antitrust, denunciando un cartello tra i due gestori e calcolando rincari significativi per le tasche degli italiani.

L'ultima in ordine di tempo è stata Altroconsumo che con un esposto all'Agcom e al Garante per la concorrenza ha chiesto la sospensione delle nuove tariffe telefoniche. Secondo l'associazione i rincari andranno da 49 fino a 83 euro all'anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il