BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Crisi e perdite Borse mondiali: previsioni su azioni, petrolio e dollaro. Fondamentali elezioni Usa

Le elezioni presidenziali americane, in programma il prossimo 4 novembre, saranno decisive non soltanto per la vita politica ed economica degli Usa, ma costituiranno un punto di svolta anche per quanto riguarda l’economia mondiale.



Le elezioni presidenziali americane, in programma il prossimo 4 novembre, saranno decisive non soltanto per la vita politica ed economica degli Stati Uniti, ma costituiranno un punto di svolta anche per quanto riguarda l’economia mondiale.

Secondo sondaggi e ricerche condotte dal Sole 24 ore, è forte la convinzione secondo cui l'appuntamento elettorale d'Oltreoceano, soprattutto se vinceranno i democratici, sarà accompagnato dalla prosecuzione del rimbalzo iniziato in queste settimane dal dollaro sull'euro e dalla discesa dei prezzi del petrolio verso l'area dei 100 dollari al barile.

La maggioranza degli intervistati (oltre 180 tra manager, professionisti, economisti e gestori), quasi il 60%, stima che le presidenziali Usa (4 novembre) rappresenteranno uno spunto favorevole per Wall Street.

In primo luogo perché rimuoveranno le incertezze sotto il profilo politico e poi perché, come hanno sottolineato nel corso del sondaggio, è opinione diffusa che la stessa Federal reserve sia solo in attesa dei risultati elettorali prima di decidere d'intervenire.

Diversa la posizione degli addetti ai lavori tra cui, il 61% ritiene che ci sia stata una vera svolta, contro il 39% che ritiene prematuro dirlo.

E sarebbe anche presto parlare di crisi dell’euro, nonostante il possibile aumento di valore del dollaro, possa certamente pesare sul valore della moneta unica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il