BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma carceri: 7mila detenuti fuori? Braccialetto elettronico per italiani ed espulsione stranieri

Saranno 7400 i detentuti che usciranno dal carcere. Nuovo piano per ovviare al problema sovraffollamento.



"I nostri penitenziari sono pieni di immigrati e di stranieri che hanno fatto pagare all'Italia, coi loro crimini, un grave costo di insicurezza. Un ulteriore costo è stato assicurare un giusto processo.

Ora vivono nelle nostre carceri e se, nel rispetto delle leggi e dei trattati internazionali, riusciamo a mandarne via qualche migliaio per fargli scontare la pena nel loro Paese, con la certezza che non tornino più a delinquere né da noi né all'estero, pensiamo solo di fare il bene dell'Italia". Commenta così il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, il nuovo piano giustizia.

Secondo il progetto, saranno circa 7400 i detenuti che lasceranno le carceri, il tutto per ovviare al problema del sovraffollamento. Secondo l'anticipazione, il piano prevederebbe i domiciliari per 4.100 detenuti italiani e l'espulsione di 3.300 stranieri.

Ma le novità non finiscono qui: ai detenuti italiani che usciranno, sarà dato un braccialetto elettronico che monitorerà ogni movimento dell’individuo e sarà dotato di trasmettitore collegato alla centralina della polizia.

Critico il Pd. Secondo il ministro Tenaglia, l’espulsione dei detenuti stranieri rischia di essere un pannicello caldo perché di difficile applicazione, necessitando di accordi bilaterali con gli stati di origine, che l'attuale governo non sta stipulando.

E continua: “La drammatica situazione del sovraffollamento delle carceri italiane si risolve con interventi strutturali che riguardano il cambio della politica penale seguita con leggi quali la Bossi-Fini sull'immigrazione e la Fini-Giovanardi sugli stupefacenti e con riforme del sistema della pena che sono state indicate sia dalla Commissione Norbio, che da quella Pisapia di riforma del codice penale e che riguardano strumenti alternativi alla detenzione in carcere”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il