Lehman Brothers vale meno della Banca Popolare di Sondrio: Bank Of America pronta ad acquistarla

La crisi subprime americana ha abbattuto i colossi simbolo della finanza mondiale. Cade anche Lehman Brothers.



La crisi subprime americana ha abbattuto i colossi simbolo della finanza mondiale, così dopo il finalmente arrivato piano di salvataggio governativo di Fannie Mae e Freddie Mac, le due agenzie semipubbliche specializzate in prestiti ipotecari, per cui il ministro del Tesoro Henry Paulson ha annunciato un piano in base al quale il governo prende il controllo delle due agenzie in crisi, l’altro simbolo decaduto è Lehman Brothers.

La capitalizzazione, secondo le ultime stime, sarebbe addirittura diventata inferiore a a quella della Popolare di Milano e della Popolare dell'Emilia Romagna. Più o meno in linea con quella della Popolare di Sondrio. Sempre in termini di paragone, Lehman vale meno della metà della banca d'affari italiana Mediobanca (7,6 miliardi). Molto meno anche del Monte dei Paschi (9,9 miliardi), di Ubi (9,5 miliardi) e del Banco Popolare (7,9 miliardi).

A una distanza che appare quasi siderale rispetto ai colossi nostrani Unicredit (49,5 miliardi) e IntesaSanPaolo (45,2 miliardi), con i quali non vincono la gara nemmeno big del calibro di Goldman Sachs (43,3 miliardi di euro), Morgan Stanley (301 miliardi) e Merill Lynch (22,2 miliardi). Solamente Jp Morgan (98,37 miliardi di euro) e Citi (70,69 miliardi) continuano a mantenere la leadership.

 Così, il Tesoro Usa scende di nuovo in campo per mediare tra un gruppo di possibili acquirenti: tra questi ricorrono i nomi di Hsbc e del Blackstone group. L'obiettivo è quello di chiudere l'operazione entro il fine settimana e comunque prima dell'apertura delle Borse asiatiche. Per il momento è stata ipotizzata una trattativa con Bank of America.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il