Riforma contratti e aumenti stipendi basati su indice europeo e contrattazione con azienda

La proposta di Confindustria ai sindacati per le riforma dei contratti sembra ruotare intorno a due nuovi perni importanti



La proposta di Confindustria ai sindacati per le riforma dei contratti sembra ruotare intorno a due perni importanti: l’indice dei prezzi previsionale da prendere come riferimento nei rinnovi contrattuali, di durata triennale, depurato dalla componente energetica, e una clausola di garanzia per assicurare gli aumenti anche ai lavoratori esclusi dalla contrattazione integrativa.

Con un monitoraggio che garantisca il rispetto dei confini tra primo e secondo livello contrattuale.

Confermato, quindi, l'abbandono del riferimento all'inflazione programmata per gli aumenti del contratto nazionale, sostituita dall'Ipca, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo adottato dalla Commissione europea.

Tuttavia a Bruxelles le previsioni vengono fatte su base biennale, dovrà quindi essere individuato un soggetto indipendente al quale affidare la misurazione del costo della vita, almeno per il terzo anno.

Imprese e sindacati, inoltre, sono d'accordo sulla richiesta al governo di incentivare, attraverso detassazione e decontribuzione,  la quota di retribuzione legata alla contrattazione di secondo livello.

Per i lavoratori impiegati in imprese in cui non si fa contrattazione aziendale, la proposta di Confindustria prevede un meccanismo perequativo, come forma di garanzia.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il