BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Russia-Stati Uniti: vice-presidente Palin di Mccain pronta alla guerra. E il Venezuela minaccia Usa

America Latina contro gli Stati Uniti, Bolivia contro Venezuela: alla vigilia delle elezioni presidenziali americane, si inaspriscono i rapporti interni dell’America e con la Russia lontana



America Latina contro gli Stati Uniti, Bolivia contro Venezuela: alla vigilia delle elezioni presidenziali americane, si inaspriscono i rapporti interni dell’America e con la "lontana" Russia, paese cui la vice presidente repubblicana in corsa alla Casa Bianca, Sarah Palin, si dice pronta a dichiarare guerra( vera o solo diplomatica? ) se non concede a Ucraina e Georgia di entrare nella Nato.

Gli Stati Uniti vogliono l'estensione della Nato ad altri paesi ex sovietici e se la Russia facesse un bis dell'invasione della Georgia, la Palin è pronta anche a un conflitto armato.

Per quanto riguarda la crisi diplomatica tra Stati Uniti e i due Paesi latinoamericani, questa è scoppiata qualche giorno fa, quando il presidente boliviano Evo Morales ha dichiarato persona non grata l'ambasciatore americano a La Paz, Philip Goldberg, accusato di sostenere i governatori delle regioni autonomiste, oppositori del governo centrale.

Negli ultimi giorni si sono moltiplicati gli scontri in Bolivia tra i sostenitori del governo di La Paz e gli autonomisti di Santa Cruz e delle altre province limitrofe (Beni, Pando, Tarija e Chuquisaca), in cui sono morte otto persone.

Morales, il primo presidente indigeno della storia del suo Paese, alleato di Chavez e di Castro, ha in particolare accusato l'ambasciatore Goldberg di fornire aiuti finanziari alle forze dell'opposizione attraverso l'Usaid, l'agenzia americana per lo sviluppo.

La reazione degli Stati Uniti non si è fatta attendere e, un'ora prima del discorso di Hugo Chavez, è stata annunciata l'espulsione dell'ambasciatore boliviano a Washington, Mario Gustavo Guzman.

Stessa sorte è toccata all'ambasciatore americano a Caracas, Patrick Duddy, espulso dal Venezuela dal presidente venezuelano Hugo Chavez, con la minaccia “il Venezuela sarà aggredito, non ci sarà più petrolio per gli americani”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il