BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fondi liquidità consigliati dai gestori in questo periodo. E anche i bot e titoli di Stato

L'unica tipologia che è riuscita a chiudere i conti in attivo dopo quattro mesi consecutivi di conti in rosso sono i fondi di liquidità.



L'unica tipologia che è riuscita a chiudere i conti in attivo dopo quattro mesi consecutivi di conti in rosso, precisamente nell’arco di tempo compreso tra gennaio e luglio in cui aveva perso 6,4 miliardi, è stata quella rappresentata dai fondi di liquidità.

La pole position spetta ad Anima Liquidità, che ha incassato 83 milioni, seguito da Eurizon Focus Tesoreria e Ubi Pramerica Euro Cash, rispettivamente in attivo per 52,7 e per 27,8 milioni.

La ricrescita dei fondi di liquidità è un segnale importante, perché il ritorno verso questi strumenti, che complessivamente gestiscono 93 miliardi e hanno un'incidenza sulle masse totali del 18,4%, rispecchiano in piccolo l’andamento di una società diversa, rispecchiano una nuova situazione economica che sta diventando padrone delle azioni.

Forse sono strumenti più sicure per le famiglie che, dopo l'ennesimo scossone che di recente in due sole sedute ha fatto bruciare ai listini europei 310 miliardi di capitalizzazione, hanno voglia di mettere i propri soldi al sicuro ancora per un pò. Lo conferma anche il successo dell'ultima asta dei titoli di Stato e dei BoT, i cui rendimenti hanno toccato i massimi dal 2001.

Sono loro il mezzo alleato della sicurezza che spinge gli italiani agli investimenti, considerando che la situazione per impostare investimenti in Borsa, anche se gli indici sono a livelli molto bassi ed è da un anno che la direzione dei listini, salvo qualche sporadica eccezione, è indirizzata al ribasso, è guidata dalla incertezza di un’economia che oggi mantiene equilibri sempre più fragili.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il