BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stati Uniti-Russia: colloquio tra Bush e Medvedev. Per noi 8 Agosto come 11 settembre Usa

Quando la Georgia, appoggiata da un grande Stato che vuole fissare le regole del gioco internazionale, ha cinicamente attaccato l'Ossezia del Sud e ha sparato sui peacekeepers russi, il mondo è cambiato.



Sembrava non potesse esserci un altro 11 settembre nel mondo. La catastrofe in termini umani e di cambiamento nel mondo, sembrava non potesse avere pari. Ma qualcuno ha parlato di un 8 agosto 2008 come un 11 settembre. Il perchè? La crisi georgiana in Russia. L'8 agosto per la Russia è stato un pò come l'11 settembre per l'America.

Quando la Georgia, appoggiata da un grande Stato che vuole fissare le regole del gioco internazionale, ha cinicamente attaccato l'Ossezia del Sud e ha sparato sui peacekeepers russi, il mondo è cambiato e sono cambiate le priorità del Paese. Nel salone delle feste dei magazzini Gum, affacciato sul mausoleo di Lenin.

Intorno al tavolo, un gruppo di giornalisti ed esperti americani, europei e asiatici, si sono riuniti per quattro giorni di incontri informali con i principali leader russi, a cominciare da Putin e dallo stesso Medvedev. Proprio in occasione di un dialogo sull’attuale situazione russa, il presidente americano Gorge W. Bush avrebbe detto al suo omologo russo “Chi te lo fa fare? Sei un presidente giovane, liberale, a che ti serve tutto questo?".

 Putin non è contento di come la stampa occidentale parla della guerra che li imperversa, non ha alcuna intenzione di rompere con l’Occidente ma vuol metterne in mostra le sue contraddizioni, è convinto della debolezza americana ma cerca di riflettere su come non sottostare alle decisioni unilaterali americane che lo stanno distruggendo. E’ sempre lui, il leader della potenza russa che sta crescendo sempre di più, a ritenere che la Nato appartiene si alla storia, ma ha bisogno di una nuova struttura e di nuovi equilibri.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il