Rate mutui settembre 2008 più alte: continua la crescita. Fino a 2700 euro in più all'anno

L’Euribor a tre mesi si attesta al 5,24%. Solo nel 2005 era al 2,40%. Il dato è allarmante, il più alto dal 1995.



Mentre traballano gli istituti di credito e assicurazioni l’Euribor a tre mesi si attesta al 5,24%. Solo nel 2005 era al 2,40%. Il dato è allarmante, il più alto dal 1995 e pesanti sono le responsabilità delle banche italiane nell’aver imposto mutui indicizzati a 3,2 milioni di famiglie che in questo modo pagheranno 2.700 euro in più su ogni prestito medio di 100 mila euro.

Tassi nominali così alti non si registravano dall'estate del 2002. Il tasso medio senza spese di istruttoria è al 5,96%, dato che conferma la stima fatta dall'Abi. Lo stock di mutui alle famiglie residenti in Italia è pari a fine agosto a 254,8 miliardi con un aumento di 836 milioni rispetto a luglio.

Stando alle allarmanti denunce delle associazioni consumatori nel periodo 2004-2005, quando tutte le previsioni economiche convergevano sull’imminenza di aumenti dei tassi di riferimento BCE, le banche italiane imposero tassi legati all’Euribor ad oltre il 90% dei richiedenti.

L’accusa riguarderebbe il fatto che gli istituti sconsigliavano all’epoca il tasso fisso perché più alto di uno 0,40-0,50%, oppure non erogavano affatto mutui a tasso fisso per non assumersi il rischio dei futuri aumenti’ Così, la spiegazione dell’impennata dei tassi interbancari è un effetto del crollo della fiducia tra gli istituti. 

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il