BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Evasione fiscale e controlli: i Comuni potranno disporre di dati di affitti e bollette

L'agenzia delle Entrate nei giorni scorsi ha comunicato agli enti locali la novità loro riservata nella lotta all’evasione fiscale.



L'agenzia delle Entrate nei giorni scorsi ha comunicato agli enti locali la novità loro riservata nella lotta all’evasione fiscale. I comuni potranno, infatti, avere accesso ai dati di contratti di locazione, denunce di successione per immobili che si trovano all'interno dei rispettivi ambiti territoriali dell'Anagrafe tributaria.

Come previsto in un provvedimento della stessa Agenzia del 3 dicembre 2007, dal 29 settembre hanno accesso alle utenze elettriche, il che significa pressappoco 40 milioni di soggetti segnalati, e che sono in fase di caricamento i dati relativi a locazioni e dichiarazioni di successione.

Questi dati consentiranno soprattutto ai Comuni di verificare se ci sono delle evasioni in ordine ai tributi comunali. Grazie ai dati messi a disposizione dall'Anagrafe tributaria, infatti, i Comuni potranno verificare se i dati del Fisco corrispondono a quelli in proprio possesso e dall'incrocio di questi dati potranno accertare se ci sono contribuenti che evadono i tributi locali.

I dati che l'Agenzia mette a disposizione dei Comuni, rispetto a quanto previsto dal provvedimento del dicembre 2007, non includono ancora i bonifici per le ristrutturazioni edilizie e i dati sulle utenze diverse da quelle elettriche, anche perché queste ultime vengono ritenute particolarmente significative, in quanto il loro rapporto con i contribuenti in linea di massima è di uno a uno, cosa che non capita con altre utenze come per esempio quelle telefoniche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il