Crisi carte di credito sarà la prossima? Insolvenze per migliaia di miliardi vi sarebbero in Usa

Secondo alcuni osservatori, le carte di credito diventeranno il prossimo settore finanziario ad essere colpito.



La crisi dei mutui americani sta producendo un effetto domino su ogni aspetto della vita economica mondiale. Questa volta nell'occhio del ciclone ci sono le carte di credito, che secondo alcuni osservatori diventeranno il prossimo settore finanziario ad essere colpito.

Innovest StrategicValue Advisors, una società di ricerca americana, in un rapporto appena pubblicato ha appena affermato che le banche saranno costrette a svalutare ben 18.6 miliardi in conti di carte di credito insolventi nel primo trimestre del 2009 e 96 miliardi in tutto il 2009, più del doppio rispetto alle stime relative al 2008.

Secondo la ricerca nel 2007, i charge-off sono ammontati a 26.6 miliardi, mentre la stima per il 2008 arriva a 41.5 miliardi. Gli analisti di Innovest ritengono che si tratti di una cifra complessiva tale da poter creare danni non indifferenti ai bilanci delle maggiori società emittenti di carte di credito, e cioè ad essere colpite  saranno Visa, MasterCard e American Express.

Le svalutazioni del debito sulle carte di credito per adesso stanno sfidando la bufera che sembra all’orizzonte, se il paragone viene fatto con quel che sta accadendo sul mercato dei mutui, secondo Gregory Larkin, senior banking analyst di Innovest. Ma questo scenario è destinato rapidamente a mutare.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci Fonte: pubblicato il