BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Federalismo fiscale in Italia: le novità, cosa si è deciso finora e cosa deve essera ancora fatto

Il Governo ha approvato all’unanimità il disegno di legge per il federalismo fiscale. L’accordo prevede complessivamente risorse per i Comuni per circa 1,5 miliardi di euro.



Il Governo ha approvato all’unanimità il disegno di legge per il federalismo fiscale. Il provvedimento, approvato in via preliminare già lo scorso 11 settembre, può avviarsi ora a varcare ufficialmente le aule parlamentari. L’accordo prevede complessivamente risorse per i Comuni per circa 1,5 miliardi di euro.

Il testo della Riforma Calderoli per realizzare il federalismo fiscale in attuazione dell’art. 119 della Costituzione ha lo scopo di assicurare “autonomia di entrata e di spesa di Comuni, Province, città metropolitane e Regioni rispettando i principi di solidarietà e di coesione sociale”.

I punti centrali della riforma sono quelli che i decreti legislativi dovranno realizzare: autonomia e responsabilizzazione finanziaria di tutti i livelli di governo; attribuzione di risorse autonome a Regioni ed enti locali secondo i principi di territorialità, sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza; superare il criterio della spesa storica. I

l documento siglato da Governo e Comuni prevede, infatti, risorse per i Comuni per circa 1,5 miliardi di euro. L'integrazione della quota di competenza dell'Ici sulla prima casa per il 2008 è quantificata in 260 milioni di euro e sarà finanziata attraverso la riduzione di altre voci di spesa. L'integrazione dell'Ici rurale 2007, già finanziata nel bilancio di assestamento dello Stato 2008, ammonta a 585 milioni di euro.

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri rideterminerà la quota convenzionale di competenza dell'Ici rurale 2008, attuando quanto già previsto dalla legge finanziaria e quindi senza oneri aggiuntivi per il bilancio pubblico (circa 700 milioni circa di euro). Previsti inoltre interessi passivi a carico dello Stato fino a un massimo di 6 milioni di euro sulle anticipazioni di tesoreria per l'Ici rurale 2008.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il