Ribasso tassi di interessi banche mondiali: ma l'Euribor non scende. C'è ancora troppa sfiducia

Le principali banche centrali del mondo, Bce, Fed, Banca del Canada, Banca Nazionale Svizzera, Banca Centrale della Svezia e Banca della Cina, hanno tagliato i tassi di interesse dello 0,50%.



Le principali banche centrali del mondo, Bce, Fed, Banca del Canada, Banca Nazionale Svizzera, Banca Centrale della Svezia e Banca della Cina, hanno tagliato i tassi di interesse dello 0,50%. Non è intervenuta la Banca centrale del Giappone che gia da tempo ha i tassi di interesse al minimo assoluto (0,5%), preferendo intervenire sul mercato fornendo liquidità.

Con questa mossa le banche centrali hanno voluto dimostrare che politica monetaria e gestione delle liquidità sono due cose differenti. La Bce ha spiegato che la decisione è stata possibile perché nella zona euro i rischi inflazionistici sono diminuiti e le aspettative di inflazione sono stabili.

Solo il tasso overnight sull'euro è sceso sotto il 4% allineandosi al nuovo livello del tasso della Bce (3,75%). Ciò che non ha assolutamente subito variazioni sono stati i tassi Euribor, ai quali sono indicizzati i mutui a tasso variabile. L'Euribor 3 mesi viaggia al 5,30% con una riduzione di appena 0,09 rispetto alla situazione precedente il taglio.

Prima del taglio della Bce, lo spread era di 114 punti base, 4,25% contro 5,39%. Ora è salito a 155 punti, 3,75% contro 5,30% e, paradossalmente, si è ampliato lo spread tra il tasso Refi e il tre mesi. Il ribasso dei tassi d'interessi aiuta la fiducia delle famiglie e risponde alle incertezze economiche, ma non risolve di per sé il problema di sfiducia che da mesi ormai sta attanagliando il mercato monetario.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro Fonte: pubblicato il